Prestigioso riconoscimento per l’amazzone Silvia Rizzo. La specialista del dressage figura infatti tra i premiati ai Chi è Chi Awards 2015, consegnati lo scorso 22 Settembre al palazzo Reale di Milano. L’evento, che ha dato il via alla Fashion Week di Milano, è nato nel 2001 con l’intento di premiare le eccellenze italiane nel campo imprenditoriale.

In particolare il tema di quest’anno riguarda i Brand Ambassador, ovvero personalità che si sono distinti come rappresentanti della creatività italiana nei rispettivi campi: Moda, Design, Cinema, Musica, Food, Sport, Charity, Beauty. E quale miglior rappresentante del Made in Italy per la categoria Sport di Silvia, conosciuta in tutto il mondo come la fashionista del Dressage?

Grazie al suo intuito e all’attenzione e passione con la quale segue le ultime tendenze nell’ambito fashion, Silvia si è subito distinta in tutto il mondo come icona di stile, in una disciplina dove peraltro l’eleganza in sella è sempre stata una componente essenziale per competere a alti livelli..

La Giuria composta da esperti del settore della moda ma non solo, ha riconoscuto l’impegno che l’amazzone italiana residente in Germania porta avanti da anni nel promuovere l’Italian style nell’abbigliamento per equitazione, grazie anche alla preziosa collaborazione con Accademia Italiana. Per il marchio Silvia riveste ormai da anni il ruolo di testimonial e rivenditrice.

I premi sono stati consegnati da dieci giovani imprenditori e startupper, selezionati dal comune di Milano per le loro iniziative imprenditoriali. Ha presenziato all’evento anche Cristina Tajani, l’assessore alle Politiche per il lavoro, sviluppo economico, Università e Ricerca.


La fashionista del dressage. Così è conosciuta nel circuito internazionale Silvia Rizzo, l’amazzone italiana che ha scelto la Germania come terra d’adozione. Il perché è presto detto: Silvia ha sempre fatto delle sue scelte coraggiose in quanto ad outfit un elemento distintivo quando è in sella. Sempre attenta a tutto ciò che la circonda  in ambito fashion, aperta ad ogni sorta di innovazione e sperimentazione, ha fatto da apripista  a un nuovo modo di intendere il dressage, contribuendo notevolmente a svecchiare e movimentare un mondo che rischiava di rimanere cristallizzato. E il pubblico se ne è accorto: Silvia è una delle amazzoni più popolari e facilmente riconoscibili per una folta schiera di fan e specialisti del settore, tanto da essersi meritata l’appellativo di fashionist per l’appunto. Merito anche della naturale connessione che riesce a instaurare con il pubblico grazie al suo sorriso e alla sua solarità, che rendono Silvia una delle figure più interessanti nel panorama attuale dell’equitazione.

Ecco spiegato perché lo stilista Gino Moschetti ha pensato subito a lei come testimonial del proprio brand. Silvia non è solo una dressagista di livello internazionale, ma incarna alla perfezione l’idea  alla base del progetto di Accademia Italiana. Ossia quella di mettere a disposizione dei cavalieri una vasta gamma di scelte in materia di pantaloni, polo e giacche da competizione in grado di garantire comfort, tenuta e un’immagine fresca e di tendenza.

Silvia Rizzo ha sposato appieno questa mission e il suo rapporto con il marchio si è rafforzato anno dopo anno sulla base di una stima reciproca e della fede comune nella volontà/necessità di introdurre una netta svolta nel mondo equestre.

Ora, dopo un lungo periodo di successi condivisi e di ambiziosi obiettivi raggiunti insieme, Gino Moschetti e Silvia Rizzo hanno deciso di compiere un ulteriore step nell’ambito della loro collaborazione. Dalle verdi distese della sua tenuta tedesca di Hof Marabunta, dove vive in perfetta armonia con i suoi amati cavalli, Silvia, insieme al suo trainer e compagno nella vita Michele Betti, è diventata da pochi mesi rivenditore ufficiale di Accademia Italiana, e in questa sua nuova veste ha saputo già ritagliarsi un ruolo di primo piano nell’area settentrionale della Germania, e non solo.

Dagli articoli continuativi come Master e Dresseur a quelli più contemporanei, dalle stampe ai colori che sono diventati un cavallo di battaglia dell’azienda, Silvia Rizzo continua a rappresentare alla perfezione, anche come rivenditrice, i prodotti e la filosofia di Accademia Italiana.

 Grazie allo status di icona fashion che ha saputo costruirsi e alle sue innate doti comunicative, ora Silvia può avvicinare un pubblico molto competente e selettivo, come quello tedesco, alle collezioni del marchio italiano, anche attraverso uno show-room recentemente allestito presso la sua struttura nella Bassa Sassonia.